sabato 03 dicembre | 11:09
pubblicato il 02/ott/2011 13:44

Napolitano visita il carcere di Nisida e saluta Napoli

L'ultimo giorno del Capo dello Stato nella sua città

Napolitano visita il carcere di Nisida e saluta Napoli

Giorgio Napolitano ha condannato con vigore la situazione delle prigioni italiane, dal carcere minorile di Nisida, tappa della seconda e ultima giornata di visita a Napoli. Al fianco del ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma, il Capo dello Stato ha risposto alle domande dei giovani detenuti, che hanno spaziato dalla Costituzione alle possibilità di ripresa economica del Sud, fino alla domanda sul sovraffollamento a cui Napolitano ha risposto ribadendo la necessità di intervenire, ma sottolineando che l'amnistia non è una soluzione.I ragazzi del carcere hanno organizzato anche uno spettacolo per il Presidente che ha ascoltato le loro esibizioni in napoletano. "Sono ragazzi sveglissimi, pieni di talento - ha detto - ai quali ho fatto i miei auguri sinceri". La visita del Presidente è stata segnata da un'accoglienza calorosa in ogni luogo visitato, dal Rione Sanità alla chiesa di San Gennaro Extra Moenia, dove è avvenuto l'incontro col cardinale Crescenzio Sepe.

Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari