martedì 06 dicembre | 06:58
pubblicato il 09/set/2011 15:14

Napolitano: Il Sud per tornare a crescere, ma servono correzioni

Presidente a Palermo riflette su Autonomia siciliana

Napolitano: Il Sud per tornare a crescere, ma servono correzioni

Bisogna partire dal Sud, dalla Sicilia in particolare, per uscire dalla crisi e tornare a crescere. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano da Palermo fa leva sulle potenzialità del Mezzogiorno per superare il momento difficile che attraversa l'Italia: l'occasione è la lectio magistralis dello storico Lucio Villari all'Istituto di storia patria.L'invito di Napolitano è a dire con chiarezza cosa va cambiato in Sicilia.Tra i temi chiave dell'intervento l'automonia regionale, storica conquista rimasta incompiuta.La giornata di Napolitano è iniziata con la visita del governatore siciliano Raffaele Lombardo a Villa Igiea, dove il Capo dello Stato alloggia in città. Poi l'incontro in Prefettura con i ragazzi dell'associazione "Addiopizzo". Il Presidente ha detto che tornerà a Palermo per il ventennale della strage di Capaci.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari