lunedì 27 febbraio | 03:45
pubblicato il 12/set/2013 20:28

Napoli/Rifiuti: Sodano a Orlando, porta a porta coprira' 500mila persone

Napoli/Rifiuti: Sodano a Orlando, porta a porta coprira' 500mila persone

(ASCA) - Napoli, 12 set - Entro il 2014 la raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta raggiungera' mezzo milione di cittadini napoletani. E' uno degli impegni contenuti nel documento che il vicesindaco del capoluogo campano, Tommaso Sodano, ha presentato oggi al ministro dell'Ambiente, Andrea Orlando. ''Un incontro positivo - ha affermato Sodano in una nota - durante il quale l'amministrazione comunale ha presentato al ministro Orlando il documento relativo alle iniziative e agli obiettivi in materia di rifiuti. Dopo aver illustrato quanto compiuto fino ad ora, contenuto anche nello stesso documento consegnato al ministro (realizzazione di isole ecologiche, siti di trasferenza, iniziative per la riduzione dei rifiuti, differenziata al 27%, protocollo per gli pneumatici etc), si e' proceduto ad indicare i nuovi e prossimi impegni dell'amministrazione''.

Sodano ha annunciato ''l'estensione del porta a porta ad altri 200 mila abitanti, di cui 100 mila coinvolti gia' questo anno essendo la gara aggiudicata, mentre altri 100 mila abitanti coinvolti l'anno prossimo con gara che sara' pubblicata entro settembre. Quindi la citta' vedra' interessati dal porta a porta oltre 500 mila cittadini entro il 2014''. Oltre cio' ''l'amministrazione intende procedere da ottobre a potenziare la raccolta differenziata stradale, gia' attiva con le campane in tutta la citta', estendendola anche alla frazione umida dei rifiuti: nelle zone non servite dal porta a porta, infatti, saranno installati contenitori appositi per la raccolta della frazione umida, prevedendo anche meccanismi per le grandi utenze e aree mercatali. Per promuovere questa nuova modalita' sara' avviata nei prossimi giorni una campagna di informazione col coinvolgimento di Asia e di tutte le associazioni del territorio''.

Sodano ha poi illustrato che ''per quanto riguarda l'impiantistica alternativa, l'amministrazione ha evidenziato che entro questa settimana verra' pubblicato il bando per la realizzazione dell'impianto di trattamento della frazione umida presso l'area Nord, mentre per quanto riguarda la zona orientale (nei pressi del depuratore) si e' proposta la creazione di un ecodistretto (con un secondo impianto di trattamento dell'umido e un impianto di selezione meccanica a freddo per il recupero dei materiali) in sostituzione dell'inceneritore previsto nella stessa area''. Si e', infine, proposta ''la realizzazione di un altro ecodistretto al servizio dell'ambito di competenza della citta' di Napoli che prevedera' il terzo impianto di trattamento dell'umido e un impianto per il trattamento degli ingombranti e del vetro'', ha concluso il vicesindaco di Napoli. com-stt/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech