domenica 11 dicembre | 15:04
pubblicato il 03/mar/2012 12:31

Napoli, vigile uccide la moglie e poi tenta il suicidio: è grave

Ignoti i motivi del gesto, sulla vicenda indaga la magistratura

Napoli, vigile uccide la moglie e poi tenta il suicidio: è grave

Napoli (askanews) - Sono considerate molto gravi le condizioni di Nicola Manfrecola, il 54enne assistente capo della polizia municipale di Napoli che nella serata di venerdì 2 marzo ha ucciso a colpi di pistola la moglie, Gabriella Lanza, di 49 anni prima di rivolgere l'arma verso se stesso, tentando il suicidio. Manfrecola attualmente è ricoverato in terapia intensiva all'ospedale Cardarelli, dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico; ora è in coma farmacologico.Il fatto è accaduto sulla bretella di raccordo tra il Vomero e Pianura, a Napoli. La coppia, residente in via Epomeo, nella parte nord-occidentale dell capoluogo campano, probabilmente, stava rincasando quando qualcosa ha fatto scattare la follia nel vigile che ha esploso un colpo di pistola al ventre della moglie, uccidendola, e poi si è sparato in testa. Il cadavere della donna è stato trovato all'interno di una SeatSulla vicenda indaga la magistratura.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina