venerdì 09 dicembre | 03:25
pubblicato il 02/mar/2011 17:13

Napoli, via le multe in cambio di voti. Vigili urbani nei guai

Compravendita scoperta con una inchiesta interna polizia locale

Napoli, via le multe in cambio di voti. Vigili urbani nei guai

Ufficiali, agenti, addirittura qualche sindacalista: sono almeno 10 i vigili urbani corrotti di Napoli che avrebbero offerto impunità ad alcuni cittadini in cambio di voti per il loro candidato preferito alle prossime amministrative. Una preferenza e via la multa, ma la compravendita di voti è stata stroncata da un'inchiesta interna della polizia locale partenopea, guidata dal generale Luigi Sementa che ha ricostruito i dettagli della vicenda.Dall'indagine è emerso che la "macchina del consenso" messa in moto dai vigili corretti poteva contare su un pacchetto di almeno 250 voti certi per il loro candidato. Si tratterebbe per lo più di commercianti con l'acqua alla gola per il periodo di crisi e quindi più vulnerabili alle richieste dei caschi bianchi. Ma qualcuno non ha esitato a denunciare tutto. I nomi dei responsabili, immediatamente oggetto di provvedimenti interni come trasferimenti e cambi d'incarico, sono stati segnalati all'autorità giudiziaria che ha aperto un'inchiesta.

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni