venerdì 09 dicembre | 16:56
pubblicato il 30/mar/2011 10:51

Napoli, turismo e rifiuti: 200mila visitatori persi in 7 anni

L'allarme della soprintendenza, ma qualche segnale positivo c'è

Napoli, turismo e rifiuti: 200mila visitatori persi in 7 anni

Duecentomila visitatori persi negli ultimi sette anni, 31mila in meno solo nell'ultimo anno nei musei più rappresentativi, Capodimonte, Palazzo Reale e Museo Nazionale: sono i dati sul turismo museale a Napoli, che emergono dalle statistiche del ministero per i Beni culturali. Numeri che aumentano i timori per le ripercussioni dell'emergenza rifiuti in città: l'allarme è confermato anche dalla Soprintendente al Polo Museale speciale Lorenza Mochi Onori, che sottolinea l'importanza di tre fattori come accoglienza, vivibilità e ricettività delle strutture. Dai tre musei citati arrivano però anche segnali positivi. Nel 2010 il museo di Capodimonte ha registrato un margine di crescita del 17%. A Palazzo Reale e al Museo Nazionale il trend è in crescita: il ministero ha deciso di prolungare l'apertura notturna gratuita dell'ultimo martedì del mese per tutto il 2011.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina