lunedì 23 gennaio | 15:41
pubblicato il 30/mar/2011 10:51

Napoli, turismo e rifiuti: 200mila visitatori persi in 7 anni

L'allarme della soprintendenza, ma qualche segnale positivo c'è

Napoli, turismo e rifiuti: 200mila visitatori persi in 7 anni

Duecentomila visitatori persi negli ultimi sette anni, 31mila in meno solo nell'ultimo anno nei musei più rappresentativi, Capodimonte, Palazzo Reale e Museo Nazionale: sono i dati sul turismo museale a Napoli, che emergono dalle statistiche del ministero per i Beni culturali. Numeri che aumentano i timori per le ripercussioni dell'emergenza rifiuti in città: l'allarme è confermato anche dalla Soprintendente al Polo Museale speciale Lorenza Mochi Onori, che sottolinea l'importanza di tre fattori come accoglienza, vivibilità e ricettività delle strutture. Dai tre musei citati arrivano però anche segnali positivi. Nel 2010 il museo di Capodimonte ha registrato un margine di crescita del 17%. A Palazzo Reale e al Museo Nazionale il trend è in crescita: il ministero ha deciso di prolungare l'apertura notturna gratuita dell'ultimo martedì del mese per tutto il 2011.

Gli articoli più letti
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, individuato il cadavere di un uomo: 6 le vittime
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4