domenica 11 dicembre | 01:30
pubblicato il 27/set/2011 12:35

Napoli, stop tac e risonanze grauite all'Asl 1: mancano i soldi

Sforato budget per quarto anno di fila, la denuncia del sindacato

Napoli, stop tac e risonanze grauite all'Asl 1: mancano i soldi

Stop a tac, risonanze magnetiche e radiografie gratuite all'Asl Napoli 1, d'ora in poi si paga. E' il quarto anno di fila che accade e anche questa volta la causa è lo sforamento del budget. Il sindacato nazionale dei radiologi denuncia: è la dimostrazione che i fondi regionali, pari a circa 24 milioni di euro, sono inadeguati e continueranno ad esserlo se non ci saranno modifiche. Secondo l'Srn di milioni ne servirebbero almeno 30. Lo stop continuerà finché non arriveranno altri soldi, tutto quindi è nelle mani della regione Campania alle prese col piano di rientro del deficit. "L'Asl napoli 1 è solo la prima - avverte Bruno Accarino, responsabile regionale settore esterno del Sindacato nazionale radiologi - il blocco investirà altre Asl come Napoli 2, 3 e Caserta". L'annunciato rafforzamento dei servizi di radiologia negli ospedali non basta secondo il sindacato, che ha chiesto un incontro urgente con il commissario straordinario dell'Asl prima che lo stop si riversi a cascata su tutta la Regione.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina