lunedì 20 febbraio | 14:37
pubblicato il 24/gen/2014 11:46

Napoli: sequestate in un container porto 23 tonnellate fuochi artificio

Napoli: sequestate in un container porto 23 tonnellate fuochi artificio

(ASCA)- Napoli, 23 gen 2014 - La Polizia di Stato di Napoli in collaborazione con la Dogana e la Guardia di Finanza ha sequestrato 1.161 colli contenenti 135.447 tra fuochi d'artificio e petardi, per un peso complessivo di circa 23 tonnellate di materiale esplodente classificato ''Imo Classe 1^ esplosivi'', occultati all'interno di un container sbarcato nel porto di Napoli e proveniente dalla Cina, dichiarato contenere giocattoli.

Le indagini degli uomini dell'Ufficio Frontiera Marittima e del Nucleo Artificeri della Questura di Napoli hanno permesso di rinvenire il materiale risultato poi essere destinato a Tripoli (Libia), attraverso il porto di Misurata.

La pericolosita' dell'ingente materiale esplodente ha costretto ad eseguire le operazioni di verifica e di catalogazione dei prodotti sequestrati alla costante presenza dei Vigili del Fuoco. Il sequestro effettuato, spiega una nota, conferma come il porto di Napoli sia crocevia di traffici di armi, materiale esplosivo e sostanze stupefacenti, efficacemente contrastati dalle operazioni di controllo e di verifica appositamente intensificate negli ultimi mesi dall'Ufficio Polizia di Stato - Frontiera Marittima di Napoli.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia