domenica 04 dicembre | 05:26
pubblicato il 29/mag/2011 12:58

Napoli, Sepe: la camorra non metterà le mani sui nostri giovani

Patto tra Curia, sindacati e imprese contro disoccupazione

Napoli, Sepe: la camorra non metterà le mani sui nostri giovani

Sottrarre i giovani napoletani al mercato della camorra. E' l'appello che il cardinale Crescenzio Sepe ha lanciato in occasione del Giubileo del lavoro in una Napoli che lotta contro il cancro della criminalità. "Vogliamo gridare, con tutta la forza che abbiamo, che non consentiremo mai alla camorra di mettere le mani su uno dei nostri giovani o dei nostri padri di famiglia", ha detto Sepe durante la presentazione dell'iniziativa. Il primo atto di questo Giubileo del lavoro è un patto tra la Chiesa e i sindacati per arginare la piaga della disoccupazione giovanile. A sottoscriverlo oltre alla Curia c'erano il segretario della Cgil Susanna Camusso, il collega della Cisl Raffaele Bonanni e Anna Rea, segretario campano della Uil, insieme alla vicepresidente di Confindustria Cristiana Coppola. Il Giubileo del lavoro a Napoli è stata l'occasione per denunciare ancora una volta il potere dei clan camorristi sulla città. "Nel nostro territorio esiste un'azienda che non ha nessuna intenzione di chiudere i battenti, e anzi mostra con orgoglio i suoi fatturati per chiamare a raccolta nuove leve preferibilmente le più giovani. Questa azienda - ha detto l'arcivescovo di Napoli - è la camorra, l'unica azienda che deve essere chiusa".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari