martedì 21 febbraio | 17:35
pubblicato il 03/mar/2012 11:51

Napoli, scoppia incendio in campo rom: due ustionati

Ancora da accertare le cause. Prefetto convoca istituzioni

Napoli, scoppia incendio in campo rom: due ustionati

Milano, 3 mar. (askanews) - Paura a Napoli in Via Amerigo Vespucci. Un grosso incendio si è sviluppato nel campo rom del Parco della Marinella, con fiamme molto alte che hanno mandato in fumo almeno una decina di baracche. Per ora si ha notizia di almeno due feriti una donna con lievi bruciature e un uomo con ustioni più gravi, ma non si esclude che ci possano essere altri intossicati. Le cause sono tutte da accertare, ma di certo l'incendio avrebbe potuto provocare conseguenze ancora più drammatiche visto che sul posto sono state rinvenute anche alcune bombole di gas. Il prefetto di Napoli, Andrea De Martino, ha convocato una riunione per mercoledì 7 marzo in cui insieme a Comune, Regione e Provincia verranno presi provvedimenti per migliorare le condizioni di vivibilità sia dei rom che dei cittadini della strada. Fra le ipotesi non è escluso lo spostamento del campo.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia