mercoledì 22 febbraio | 20:52
pubblicato il 21/mar/2014 12:41

Napoli: ragazzi a rischio diventano pizzaioli e sfamano i poveri

Il caso della "pizzeria dell'Impossibile"

Napoli: ragazzi a rischio diventano pizzaioli e sfamano i poveri

Napoli (askanews) - Si chiama pizzeria dell'Impossibile ma di impossibile ha solo il nome visto che è diventata una realtà concreta e attiva nella città di Napoli. Qui ragazzi a rischio e detenuti del carcereminorile di Nisida imparano il mestiere onesto e antico del pizzaiolo perdipiù nutrendo col frutto delle loro prove gli ultimi della città, gli emarginati e i bisognosi. Antonio Franco è presidente dell'associazione "Scugnizzi" ideatrice del progetto sponsorizzato dalla società Fratelli La Bufala. "I ragazzi vengono seguiti da due maestri e fanno un corso di una settimana, dopo il mettiamo al vero banco di prova confrontarsicon i clienti. I poveri arrivano qui con un buono della Caritas, ci sono stati anche alcuni casi di buoni rivenduti su cui Antonio Franco invita alla comprensione: "E' gente che ha perso tutto, 4 o 5 casi su 70pizze non fanno la differenza".

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech