venerdì 02 dicembre | 19:13
pubblicato il 07/set/2011 12:29

Napoli, raddoppiano locali autorizzati a occupare suolo pubblico

Scaduto termine delle domande, si passa da 130 a 268

Napoli, raddoppiano locali autorizzati a occupare suolo pubblico

Raddoppiano a Napoli i locali, bar e ristoranti, autorizzati a occupare il suolo pubblico: si passa da 130 a 268. Sono i dati raccolti dal Comune alla scadenza del termine per accedere alla procedura semplificata per le occupazioni di suolo pubblico annesso ai pubblici esercizi: la procedura è stata avviata il 4 agosto dall'assessorato allo Sviluppo. Le domande arrivate sono circa 170, e ciascuna, dice l'assessore Marco Esposito, ha avuto una risposta in 24 ore: 138 sono state approvate e 32 respinte. Quelle approvate coprono in modo omogeneo la città, con occupazioni di suolo di 20 metri quadri in media. L'operazione rientra nel progetto di semplificazione amministrativa "Napoli Semplice", partito a inizio luglio con il lancio dello Sportello unico online per le attività produttive, che ha consentito il recupero di 320mila euro versati al Comune per il pagamento del canone di concessione.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari