domenica 26 febbraio | 00:46
pubblicato il 25/mag/2011 18:57

Napoli, pronta la sperimentazione per l'occhio bionico

Una lente a contatto trasmetterà immagini alla cornea

Napoli, pronta la sperimentazione per l'occhio bionico

L'occhio bionico non è più solo fantascienza. Da anni la scienza medica è al lavoro per rendere la vista ai non vedenti. A Napoli la sperimentazione è all'avanguardia e si lavora su una sorta di lente a contatto bionica che permetterà ai ciechi di vedere. Sulla cornea verrà applicato un microchip che funziona come una telecamera, in grado di trasmettere il segnale ad un sistema wireless applicato nelle vie retrocorticali. Nicola Rosa, direttore del dipartimento di Oftalmologia della Seconda Università degli studi di Napoli spiega il funzionamento di questo occhio bionico. Il sistema finora è stato sperimentato con successo solo su animali da laboratorio, ma apre la strada per una possibile applicazione sull'uomo. Un cammino ancora lungo ma è in via di preparazione una proposta per avviare la sperimentazione umana in Italia.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech