domenica 04 dicembre | 17:55
pubblicato il 01/lug/2011 14:58

Napoli, premio "Città di Partenope" per i sindaci virtuosi

Riconoscimenti per De Luca (Sa), Emiliano (Ba) e Spagnolli (Bz)

Napoli, premio "Città di Partenope" per i sindaci virtuosi

Vincenzo De Luca da Salerno, Michele Emiliano da Bari e Luigi Spagnolli da Bolzano; sono loro i sindaci insigniti del premio Città di Partenope, prima edizione di una manifestazione che, partendo da Napoli, intende valorizzare i comportamenti virtuosi degli amministratori italiani più attivi nel miglioramento della qualità della vita delle proprie città, accolti nel capoluogo partenopeo dal sindaco Luigi De Magistris.Il premio nasce nell'ambito dell'iniziativa Città di Partenope, una sorta di mondo virtuale, inventato nel 2008 dal pubblicitario Claudio Agrelli, e che ha un obiettivo molto ambizioso:Naturalmente si è parlato anche dell'emergenza rifiuti per la quale Michele Emiliano, chiedendo in cambio, tra il serio e il faceto, un collegamento ferroviario per l'alta velocità tra Napoli e Bari, ha offerto la solidarietà e la disponibilità della sua città. La serata, condotta dalla giornalista Maria Concetta Mattei, si è svolta nella galleria Umberto I, uno dei simboli di Napoli. Riconoscimenti sono stati consegnati anche ai sindaci di altri comuni campani, in particolare per i risultati conseguiti nell attuazione di un ciclo integrato e virtuoso di rifiuti.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari