sabato 10 dicembre | 06:51
pubblicato il 30/apr/2012 14:39

Napoli, portinaio si suicida dopo essere stato licenziato

I vicini: soffriva per la separazione e la perdita della mamma

Napoli, portinaio si suicida dopo essere stato licenziato

Napoli (askanews) - Sono increduli e senza parole i vicini e gli amici del portinaio 57enne che il 30 aprile 2012 si è tolto la vita a Napoli dopo aver ricevuto una lettera di licenziamento, perdendo casa e lavoro. Prima di impiccarsi nel piccolo appartamento di Corso Garibaldi in cui viveva, di proprietà di un'agenzia immobiliare, l'uomo avrebbe telefonato ai figli che vivono a Milano con la ex moglie da cui si era separato dicendo: "Dite alla mamma che non potrò più passarle l'assegno". Chi lo conosceva dice che da tempo soffriva di crisi depressive. Una personalità fragile, dunque, già provata da vicissitudini personali a cui la crisi e il licenziamento dal posto di lavoro, la sua unica ancora di salvezza, hanno dato il colpo finale.

Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina