lunedì 20 febbraio | 05:25
pubblicato il 30/apr/2012 14:39

Napoli, portinaio si suicida dopo essere stato licenziato

I vicini: soffriva per la separazione e la perdita della mamma

Napoli, portinaio si suicida dopo essere stato licenziato

Napoli (askanews) - Sono increduli e senza parole i vicini e gli amici del portinaio 57enne che il 30 aprile 2012 si è tolto la vita a Napoli dopo aver ricevuto una lettera di licenziamento, perdendo casa e lavoro. Prima di impiccarsi nel piccolo appartamento di Corso Garibaldi in cui viveva, di proprietà di un'agenzia immobiliare, l'uomo avrebbe telefonato ai figli che vivono a Milano con la ex moglie da cui si era separato dicendo: "Dite alla mamma che non potrò più passarle l'assegno". Chi lo conosceva dice che da tempo soffriva di crisi depressive. Una personalità fragile, dunque, già provata da vicissitudini personali a cui la crisi e il licenziamento dal posto di lavoro, la sua unica ancora di salvezza, hanno dato il colpo finale.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia