venerdì 09 dicembre | 16:56
pubblicato il 20/ott/2011 10:12

Napoli, piazza Pignasecca libera dal pizzo: "Pago chi non paga"

Commercianti uniti su iniziativa associazioni antiracket

Napoli, piazza Pignasecca libera dal pizzo: "Pago chi non paga"

Pizzo-free, libera dal pizzo. Piazza Pignasecca, nel centro storico di Napoli, diventa area deraketizzata: i commercianti uniti dicono no alle estorsioni, aderendo alla campagna delle associazioni antiracket per il consumo critico dallo slogan "Pago chi non paga". Un risultato che è un primo passo su una lunga strada da percorrere, come dice il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso.L'iniziativa prende spunto dall'esperienza di Ercolano, dove grazie alle denunce delle vittime i vertici criminali sono finiti sotto processo: un segnale di coraggio, come lo definisce il presidente della Federazione delle associazioni antiracket e usura, Tano Grasso.L'iniziativa prevede una lista di negozi che hanno detto no al pizzo, tra i quali i consumatori possono scegliere. "Consumo critico antiracket" parte dal centro storico per poi estendersi ad altri quartieri della città.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina