lunedì 05 dicembre | 03:57
pubblicato il 20/nov/2011 17:05

Napoli, ordinanza su movida piace ai giovani, non ai residenti

Denunciano rumore e schiamazzi, ristoratori scettici

Napoli, ordinanza su movida piace ai giovani, non ai residenti

Ragazzi in festa, tra un brindisi e quattro salti in discoteca, e residenti sul piede di guerra contro il sindaco: sono i primi risultati della nuova ordinanza dal Comune di Napoli che fa slittare la chiusura dei locali notturni nel fine settimana. Una decisione che i ragazzi sembrano apprezzare, con qualche ma legato soprattutto alla sicurezza e ai trasporti pubblici.I comitati dei residenti, da Chiaia al centro storico, denunciano invece decibel fuori controllo e notti insonni. Neanche le associazioni di categoria di bar e ristoranti sembrano soddisfatte: "Se in settimana ci costringono a chiudere per le due di notte è troppo presto: moriremo comunque" dicono. L'ordinanza elimina le zone rosse, le aree individuate dall'amministrazione Iervolino dove bar, pizzerie e pub erano soggetti a orari di apertura e vendita di alimenti e bevande più restrittivi. Secondo i nuovi orari nei weekend le attività svolte all'esterno chiudono alle 3 del mattino, durante la settimana all'una all'esterno e alle due all'interno. Il Comune ha anche annunciato il potenziamento dei mezzi pubblici di notte.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari