martedì 06 dicembre | 10:06
pubblicato il 07/set/2011 09:49

Napoli, mamme vulcaniche sul piede di guerra: cava Sari va chiusa

Preoccupanti i dati su agenti inquinanti nelle acque

Napoli, mamme vulcaniche sul piede di guerra: cava Sari va chiusa

Le mamme vulcaniche tornano sul piede di guerra: la discarica di cava Sari deve essere chiusa senza se e senza ma. A rinvigorire la protesta i dati sullo stato della falda acquifera nella zona della discarica di Terzigno effettuati ad aprile e resi pubblici solo ora. Nella discarica di Cava Sari attualmente conferiscono rifiuti i 18 comuni della zona Vesuviana. Ma questa cava sembra destinata ad essere ampliata, con grande preoccupazione di queste mamme in prima linea nella battaglia per la chiusura del sito. La preoccupazione per gli abitanti della zona è tanta anche perché a ottobre era prevista la chiusura della discarica, mentre le voci che circolano in merito vanno in direzione opposta.

Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari