lunedì 05 dicembre | 16:25
pubblicato il 10/mar/2013 14:40

Napoli, la politica si impegna per la Città della Scienza

Dopo il rogo governo e regione fanno fronte comune

Napoli, la politica si impegna per la Città della Scienza

Napoli (askanews) - A pochi giorni dal devastante rogo, la Città della Scienza di Napoli riparte dagli impegni della politica e delle istituzioni, unite per rilanciare il polo tecnologico campano. In campo c'è anche il governo, rappresentato a Napoli dal ministro dell'Istruzione Francesco Profumo.Il presidente della regione Campania, Stefano Caldoro, fa il punto della situazione, senza nascondersi le difficoltà. "Trovare le risorse - ha spiegato il governatore - non è facile, abbiamo fatto un lungo lavoro tutti insieme - governo e istituzioni locali - per torvare le risorse. I primi segnali sono positivi e già possiamo contare su cifre sicuri. La tutela dei lavoratori è stata la prima cosa che abbiamo fatto, e tutto cià che bisognava fare lo abbiamo fatto subito".Sulla necessità di fare in fretta concorda anche il presidente del Cnr Luigi Nicolais. "Qualunque intervento noi dobbiamo fare - ha detto - dobbiamo farlo subito, per dimostrare che sappiamo reagire".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari