domenica 19 febbraio | 22:03
pubblicato il 21/feb/2011 15:41

Napoli, la moglie del negoziante suicida: "Città malata"

Don Vittorio non vittima di pizzo e usura, ma di crisi economica

Napoli, la moglie del negoziante suicida: "Città malata"

"Vittorio Sanniola non era soggetto a nessun pizzo o usura. Lo griderò finchè avrò fiato, nulla di tutto questo ci appartiene! Questi episodi, purtroppo, sono certamente una cancrena che affligge molte persone che non hanno più neanche gli occhi per piangere, ma non era il caso di mio marito". Sono le parole di Adriana, vedova del commerciante morto suicida a Napoli il 10 febbraio scorso, affidate a una lettera aperta. "Vittorio sapeva bene i suoi doveri quali fossero - continua - il suo gesto nasconde solo e unicamente una difficilissima situazione economica le cui cause sono e devono rimanere esclusivamente private". Nessuna storia di pizzo e usura dietro il suicidio, dunque, ma una crisi economica che affligge i negozianti napoletani: nella lettera ci sono parole dure. "Sono grata a coloro che possono aver colto, in questa tragedia pura e semplice, lo spunto per portare avanti una battaglia contro quelle che sono le piaghe reali e determinanti che affliggono questa città malata, abbandonata a se stessa e vessata da continui soprusi da parte delle varie amministrazioni".

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia