martedì 21 febbraio | 11:24
pubblicato il 30/ago/2011 17:07

Napoli, imprenditori uniti contro il racket: nasce "Freepizzo"

Una rete per gli acquisti consapevoli

Napoli, imprenditori uniti contro il racket: nasce "Freepizzo"

Sono 329, ma è solo una tappa nella maratona verso la liberazione degli imprenditori napoletani dal giogo degli strozzini. E' partita infatti un'iniziativa, sulle orme di quella siciliana voluta da Tano Grasso, che vede uniti gli imprenditori e i negozianti partenopei nella lotta al racket. Loro preferiscono non parlare davanti a una telecamera ma hanno sottoscritto il manifesto "Consumo critico addiopizzo" pubblicando così l'elencodelle loro attività. Ora però tocca ai consumatori giocare la propria parte: attraverso i propri acquisti solo dei prodotti o nei negozi degli imprenditori aderenti all'iniziativa possono contribuire a debellare questo cancro. Secondo gli ultimi dati della Cgia di Mestre la Campania ad oggi è in vetta alla classifica nazionale per rischio usura: fatto 100 la media nazionale in Campania questo indicatore tocca i 166.1 punti, ovvero 66 volte in più del rischio Paese.

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia