sabato 10 dicembre | 22:18
pubblicato il 03/ago/2011 13:44

Napoli, il Tar dice sì a Caldoro: ok sversamenti fuori provincia

Respinte le richieste di sospensiva di Avellino e Caserta

Napoli, il Tar dice sì a Caldoro: ok sversamenti fuori provincia

Napoli potrà continuare, almeno fino al 9 agosto, a portare i rifiuti nelle discariche di Savignano Irpino, nell'Avellinese e San Tammaro nel Casertano come disposto dalla terza ordinanza regionale del governatore Caldoro. Il Tar del Lazio, infatti, ha respinto, per ora, la richiesta di sospensiva delle amministrazioni provinciali interessate. Il giudice amministrativo, però, si è riservato la facoltà di verificare, entro il 31 agosto, quali saranno le azioni concrete che la Regione adotterà per rendere autonome le province di Napoli e Salerno, che attualmente esportano la spazzatura. La decisione del Tar rappresenta una boccata d'ossigeno per Napoli perché, secondo l'Asia, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti in città, la situazione è vicina al collasso, con gli Stir prossimi alla saturazione. In strada, inoltre, ci sono almeno altre mille tonnellate di rifiuti non raccolti e per i trasferimenti all'estero via nave non si partirà prima del mese di settembre.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina