lunedì 27 febbraio | 22:18
pubblicato il 10/feb/2011 12:32

Napoli, il Comune sfida il racket: niente tasse a chi denuncia

Stanziato un fondo da 100mila euro, anche per vittime dell'usura

Napoli, il Comune sfida il racket: niente tasse a chi denuncia

Niente tasse per le imprese che denunciano il racket. E' questa la nuova sfida alla criminalità lanciata dal Comune di Napoli, che sta istituendo un fondo da centomila euro da destinare alla copertura delle imposte per chi sceglie di vincere la paura e denunciare le estorsioni. L'iniziativa nasce dagli assessorati alle Risorse strategiche e alla Legalità e si rivolge esclusivamente a chi potrà dimostrare di essere parte offesa e di aver rinunciato definitivamente al pagamento del pizzo. Allo stesso modo potrà accedere ai fondi comunali anche chi è stato vittima di usura. Per evitare possibili abusi, il Comune partenopeo assicura che le maglie dei controlli saranno strettissime. La speranza è che si possa invertire il trend che vede ancora oggi la maggior parte delle imprese subire il racket in silenzio.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech