venerdì 09 dicembre | 05:23
pubblicato il 09/nov/2011 18:02

Napoli, Gdf scopre truffa su compravendita tombe a Poggioreale

Atti falsi per comprare e vendere cappelle e loculi

Napoli, Gdf scopre truffa su compravendita tombe a Poggioreale

Cappelle funerarie, edicole gentilizie, loculi sequestrati al cimitero di Poggioreale. il risultato dell'operazione "Estremo soggiorno" della Guardia di finanza di Napoli, che ha scoperto una truffa nella compravendita di tombe realizzata da alcuni imprenditori con la complicità dei dipendenti comunali. Il meccanismo funziona così: i truffatori comprano diverse cappelle funerarie, alcune anche del 1800, che per legge non possono essere oggetto di compravendita, grazie a professionisti compiacenti, anche senza il consenso degli aventi diritto. Nella vicenda spicca la disavventura di una famiglia napoletana che, arrivata al cimitero per far visita ai cari defunti, ha trovato la cappella di famiglia violata, senza le salme, ristrutturata e con il cancello d'ingresso sostituito. Per farlo i truffatori avevano redatto apposta atti pubblici falsi. Tra le cappelle sequestrate una era stata venduta con un annuncio su un noto sito di vendite di immobili on line, al prezzo di 800 mila euro.

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni