domenica 26 febbraio | 23:06
pubblicato il 09/set/2011 18:32

Napoli festeggia: la pizza mantiene il marchio STG dell'Ue

E arriva la Super pizza con il pomodoro anti-tumore

Napoli festeggia: la pizza mantiene il marchio STG dell'Ue

La pizza napoletana mantiene il marchio STG e Napoli festeggia il suo prodotto più rappresentativo nel mondo: una conquista, quella del marchio di Specialità Tradizionale Garantita dall'Unione Europea, ottenuta dopo anni di battaglie, che ha rischiato di andare in fumo. A festeggiare lo scampato pericolo, alla pizzeria Ciro al Borgo Marinari, il Presidente della Commissione Agricoltura dell'Unione Europea Paolo De Castro.A condurre la battaglia in difesa della pizza napoletana è stato anche l'europarlamentare Andrea Cozzolino.Il prossimo passo è valorizzare questo prodotto tipico, rilanciando l'immagine di Napoli a livello internazionale. A gioire non sono solo i politici, ma anche i pizzaioli: l'occasione è buona per presentare la prima Super Pizza realizzata con il Super pomodoro anti tumorale, frutto di un innesto naturale tra il pomodoro San Marzano e il Black Tomato olandese, prodotto da un'azienda di Striano, in provincia di Napoli.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech