sabato 25 febbraio | 05:33
pubblicato il 05/set/2011 17:28

Napoli, dopo le vacanze coda davanti al Banco dei pegni

Ma sempre più persone si rivolgono ai "compro oro"

Napoli, dopo le vacanze coda davanti al Banco dei pegni

Lunghe code davanti al Monte dei Pegni del Banco di Napoli di Via San Giacomo: una piccola folla attende davanti allo storico edificio napoletano in attesa di impegnare oggetti per avere in cambio denaro contante. Complice la prima settimana di settembre e il ritorno dalle vacanze con tante foto e bei ricordi in più, ma molti soldi in meno; ma anche la lunga trafila per impegnare un oggetto e infine anche la crisi.In realtà il Banco di Napoli non segnala un aumento dei clienti negli ultimi mesi in particolare, ma registra una nuova tendenza: sempre più persone si riprendono gli oggetti impegnati per venderli nei negozi di "compro oro" che spuntano uno dietro l'altro in ogni vicolo di Napoli e di molte altre città italiane.Una conseguenza dei continui rialzi del prezzo dell'oro, considerato un bene rifugio in questi mesi di crisi delle Borse finanziarie mondiali.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech