domenica 04 dicembre | 05:24
pubblicato il 24/ago/2011 15:33

Napoli, degrado alla Villa comunale: giardinieri sotto accusa

Sporcizia e incuria. La difesa: mancano strumenti di lavoro

Napoli, degrado alla Villa comunale: giardinieri sotto accusa

Triste l'estate alla Villa comunale di Napoli, il parco più amato della città partenopea ma anche quello più disastrato. Il verde spesso non è curato, i cumuli di foglie e terra si ammassano lungo i marciapiedi, le statue sono imbrattate o mutilate, molte zone, comprese quelle dei giochi per i bambini, sono inaccessibili, le fontane - preziosissime con la canicola - funzionano a singhiozzo. Insomma, un panorama desolante, per il quale molti cittadini puntano il dito contro i giardinieri, accusati di essere fannulloni. Loro di difendono, senza peraltro risultare troppo convincenti: mancherebbero attrezzature e strumenti di lavoro. E intanto, sotto le piante della Villa, qualcuno cerca un po' di refrigerio dal gran caldo. Non sono però turisti, bensì clochard. E le polemiche continuano, roventi come l'estate.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari