lunedì 23 gennaio | 09:36
pubblicato il 06/apr/2011 18:50

Napoli, crollo alla chiesa di Sant'Agostino alla Zecca

Preoccupazione e allarme tra gli abitanti

Napoli, crollo alla chiesa di Sant'Agostino alla Zecca

Crollo alla chiesa di Sant'Agostino alla Zecca di Napoli, in pieno centro città: un blocco di piperno, antica pietra lavica vesuviana, si è staccato dal cornicione del terzo ordine superiore della facciata ed è caduto. Al momento per strada non passava nessuno e non ci sono stati feriti. Tra i cittadini c'è preoccupazione e allarme.La costruzione della chiesa, chiusa al culto dopo il terremoto del 1980, risale al 1259, durante il regno di Carlo d'Angiò, ma l'edificio fu riedificato dopo il terremoto del 1697. Per il restauro della chiesa, definita uno dei monumenti più notevoli di Napoli, si impegnò anche l'ex ministro dei Beni culturali Sandro Bondi, ma fino ad oggi nulla è stato fatto.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4