sabato 03 dicembre | 01:50
pubblicato il 27/feb/2012 12:10

Napoli, case con pessimi riscaldamenti: rischio deprezzamento 30%

Inadeguato il 98% delle abitazioni: conseguenze sui prezzi

Napoli, case con pessimi riscaldamenti: rischio deprezzamento 30%

Napoli (askanews) - Le case di Napoli hanno pessimi riscaldamenti: un problema che, complice il clima tradizionalmente mite del golfo partenopeo, potrebbe anche non sembrare troppo grave. Ma da gennaio di quest'anno è obbligatorio inserire negli atti di compravendita di immobili la classe energetica di riferimento, con deprezzamenti anche del 30% del valore delle abitazioni. E qui, per i napoletani, arrivano le note dolenti: da uno studio dell'Università Federico II emerge infatti che il 98,5% degli attuali edifici del capoluogo si colloca in classe G e il restante 1,5% in classe F, ossia agli ultimi due posti della graduatoria di efficienza energetica. Una situazione che potrebbe avere conseguenze pesantissime, oltre che sull'ambiente, anche sulle finanze dei proprietari.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari