martedì 17 gennaio | 23:13
pubblicato il 19/lug/2011 13:30

Napoli, capi Made in Italy per vendere di più. Ma sono cinesi

GdF sequestra oltre 150mila tra capi d'abbigliamento e accessori

Napoli, capi Made in Italy per vendere di più. Ma sono cinesi

Basta la dicitura Made in Italy per vendere con maggiore facilità capi d'abbigliamento in realtà prodotti in Cina. Per questo un'organizzazione dedita alla confraffazione ha alterato le etichette originali in un modo semplice ma ingegnoso. I cartoncini riportavano, su due righe, la scritta "Made in China Italy style", e venivano modificate tagliando sul lato destro le parole "China" e "style"; in tal modo rimaneva solo la scritta "Made in Italy". La truffa è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Napoli nell'ambito dell'operazione Gomorrah 2. Le fiamme gialle hanno sequestro circa 73.000 capi di abbigliamento per uomo e circa 89.000 accessori, per un valore complessivo di un milione di euro.

Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa