sabato 10 dicembre | 06:42
pubblicato il 19/lug/2011 13:30

Napoli, capi Made in Italy per vendere di più. Ma sono cinesi

GdF sequestra oltre 150mila tra capi d'abbigliamento e accessori

Napoli, capi Made in Italy per vendere di più. Ma sono cinesi

Basta la dicitura Made in Italy per vendere con maggiore facilità capi d'abbigliamento in realtà prodotti in Cina. Per questo un'organizzazione dedita alla confraffazione ha alterato le etichette originali in un modo semplice ma ingegnoso. I cartoncini riportavano, su due righe, la scritta "Made in China Italy style", e venivano modificate tagliando sul lato destro le parole "China" e "style"; in tal modo rimaneva solo la scritta "Made in Italy". La truffa è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Napoli nell'ambito dell'operazione Gomorrah 2. Le fiamme gialle hanno sequestro circa 73.000 capi di abbigliamento per uomo e circa 89.000 accessori, per un valore complessivo di un milione di euro.

Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina