venerdì 24 febbraio | 02:17
pubblicato il 12/mar/2011 12:24

Napoli, barelle in doppia fila al Cardarelli. I medici: è normale

Direttore sanitario: a volte mancano lettighe ma siamo abituati

Napoli, barelle in doppia fila al Cardarelli. I medici: è normale

All'ospedale Cardarelli di Napoli la doppia fila non è una questione di automobili e parcheggi ma riguarda ammalati e barelle. Nei corridoi è una costante imbattersi in pazienti costretti ad aspettare il proprio turno su lettighe. Una situazione di emergenza diventata ormai cronica al punto da non stupire più nemmeno il personale medico, come racconta il direttore sanitario Franco Paradiso.A portare al collasso il Cardarelli la concomitanza di diversi fattori: i medici di base o altre strutture sanitarie che rinviano pazienti all'ospedale anche quando non necessario o come spiega il dottor ParadisoA peggiorare la situazione ci si mette anche l'influenza nel periodo invernaleda 04.30 c'è un momento 04.49 siamo abituatiL'Ospedale Cardarelli di Napoli è il maggior nosocomio della Campania ed uno dei più grandi dell'intero Meridione.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech