sabato 10 dicembre | 15:56
pubblicato il 14/feb/2013 19:34

Napoli: allarme ambientale per ampliamento darsena petroli

L'oncologo Marfella: impianti inquinanti e pericolosi

Napoli: allarme ambientale per ampliamento darsena petroli

Napoli, (askanews) - Non solo rifiuti e inquinamento, Napoli sta vivendo un nuovo allarmante pericolo ambientale. Si torna infatti a parlare del piano ampliamento della darsena petroli al porto, nei pressi della centrale turbogas di Vigliena: una situazione letteramente esplosiva e in contrasto con le promesse di spostare altrove i depositi, come spiega Antonio Marfella, l'oncologo della Fondazione Pascale che da anni si batte per la salvaguardia dell'ambiente. "Adesso veniamo a sapere in maniera catastroficamente napoletana che i depositi di benzina e la darsena pretroli non saranno delocalizzati ma saranno ampliati, la centrale turbogas ormai è attiva con oltre 800mila metri cubi di gas pronti ad esplodere perchè il tutto si trova all'interno della zona rossa del Vesuvio".La situazione ambientale al porto di Napoli è notoriamente disastrosa. "Tutti sappiamo che il quaranta percento delle polveri sottili al centro di Napoli provengono dalle attività del porto".Le esalazioni e il grave inquinamento di questi impianti sono la causa di gravi disturbi alla salute di molti residenti.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina