venerdì 24 febbraio | 15:55
pubblicato il 25/nov/2011 18:58

Napoli, a Scampia abitanti autotassati per salvare il mercatino

Abbandonato da 25 anni: era un incubatore d'impresa femminile

Napoli, a Scampia abitanti autotassati per salvare il mercatino

Napoli, (askanews) - Era nata negli anni '80 come mercatino rionale al coperto a Scampia, a Napoli. Restaurata con 800 milioni di vecchie lire dalla giunta Bassolino, per diventare un incubatore d'impresa femminile, in realtà questa struttura di 2mila mq, con annessi uffici è chiusa da oltre 25 anni, preda di vandali e dell'incuria. Ma proprio da quello che è considerato tra i più "difficili" quartieri della città, arriva un grande esempio di senso civico. Il mercatino di Scampia rappresenta un ennesimo scempio dell'Italia degli sprechi, mentre potrebbe diventare una risorsa non solo per il quartiere. L'unica cosa che funziona è l'ufficio postale ma è di continuo vittima di rapine mentre la cooperativa di custodi rischia di non vedersi rinnovato il contratto. Nonostante tutto c'è ancora chi crede che un riscatto sia possibile.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide:asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech