sabato 10 dicembre | 19:31
pubblicato il 06/lug/2011 09:22

Napoli, a Pianura commercianti e imprenditori uniti contro racket

Nasce un'associazione per dire no alle estorsioni della camorra

Napoli, a Pianura commercianti e imprenditori uniti contro racket

Le vetrine ancora danneggiate dai proiettili per ricordare anche ai clienti gli abusi subiti, e poi cartelli e striscioni per denunciare e dire "Basta" al pizzo. Siamo a Pianura, quartiere dell'estrema periferia ovest di Napoli, dove 62 commercianti e imprenditori, hanno aderito al "patto antiracket" sottoscritto con la prefettura.Le prime denunce, soprattutto dei cantieri edili - dove, a seconda delle zone, ogni tanto si presentava il camorrista di turno a chiedere il pizzo - hanno gettato le basi per creare una vera e propria associazione di solidarietà che ha siglato un accordo con le forze dell'ordine. Un cartello avverte i possibili estorsori che ora quel posto è monitorato contro il racket. Giorgio Baiano, presidente dell'associazione. Il patto antiracket prevede una sorta di obbligo morale, da parte delle vittime del pizzo o anche di furti e rapine, di denunciare, supportati dall'associazione, l'episodio alle forze dell'ordine in modo da consentire una rapida identificazione degli estorsori e, magari, il loro arresto.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina