domenica 04 dicembre | 21:48
pubblicato il 05/dic/2013 19:57

Musy: Pm cambia accusa in omicidio volontario, Furchi' rischia ergastolo

(ASCA) - Torino, 5 dic - Alberto Musy e' morto dopo 19 mesi di coma a causa delle ferite dei proiettili esplosi contro di lui dal suo aggressore il 21 marzo del 2012. E' quanto stabilisce la perizia del medico legale Luca Tajana, incaricato dal tribunale di Torino, consegnata oggi in udienza.

L'ex consigliere comunale torinese dell'Udc e' morto per broncopolmonite, una delle cause piu' frequenti tra i malati in coma, per l'abbassamento delle difese immunitarie. Il pm Roberto Furlan ha quindi modificato il capo di imputazione in omicidio volontario premeditato ottenendo dal tribunale, non piu' competente per questo reato, la restituzione degli atti.

Ora il Pm dovra' formulare una nuova richiesta di rinvio a giudizio davanti alla Corte d'Assise di Torino. L'imputato Francesco Furchi', che si e' sempre dichiarato innocente, ha assistito impassibile sia alla relazione del perito, sia alle nuove richieste del Pm e rischia ora una condanna all'ergastolo.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari