martedì 24 gennaio | 08:25
pubblicato il 23/ott/2013 11:23

Musy: morto per insufficienza respiratoria. Tribunale valuta autopsia

Musy: morto per insufficienza respiratoria. Tribunale valuta autopsia

(ASCA) - Torino, 23 ott - Alberto Musy e' deceduto per insufficienza respiratoria grave che lo ha condotto all'arresto cardiaco. L'ex consigliere comunale torinese dell'Udc aveva contratto da qualche giorno un'infezione delle vie respiratorie. Il consigliere ''si trovava in stato vegetativo severo e la prognosi non dava margini di miglioramento nel tempo'', ha detto oggi in tribunale il medico Antonio Detanti, direttore sanitario della struttura ospedaliera di Parma, dove Musy fu ricoverato fino al febbraio 2013 prima di essere trasferito in una struttura nel Torinese.

Oggi, nel corso del processo nei confronti del presunto responsabile dell'agguato, Francesco Furchi', il pm Roberto Furlan ha riferito che ''la procura dovra' aprire un fascicolo nuovo, oppure si dovra' fare un'attivita' integrativa d'indagine''.

Il collegio giudicante si e' ritirato per decidere se disporre l'autopsia, come richiesto dal pm e dai legali della famiglia Musy, per determinare il nesso causale tra l'attentato e la morte. Se si decidesse di procedere per il reato di omicidio il processo dovra' essere celebrato in Corte d'assise. ''Processualmente cambia molto - ha spiegato l'avvocato di parte civile della famiglia Musy, Gian Paolo Zancan - l'imputazione diventera' omicidio volontario premeditato, punito con l'ergastolo. Cambiera' il giudice: non sara' piu il tribunale ma la corte d'assise a giudicare.

Per quanto riguarda l'iter processuale - ha aggiunto - prevedo che venga disposto all'udienza di oggi un accertamento autoptico del nesso causale. Mi aspetto che il tribunale poi si dichiari incompetente e rimetta gli atti al pubblico ministero''.

''Siamo vicini alla famiglia. E' un atto doveroso sotto il profilo umano. Sotto il profilo processuale il dovere dell'ufficio mi impone di continuare con l'accertamento della verita''', ha detto il pm Furlan prendendo la parola in tribunale.

eg/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4