martedì 21 febbraio | 15:27
pubblicato il 18/dic/2011 05:11

Musica/ Cesaria Evora, la "diva dai piedi nudi" che stregò Parigi

L'infanzia in un orfanotrofio, poi il successo mondiale

Musica/ Cesaria Evora, la "diva dai piedi nudi" che stregò Parigi

Roma, 18 dic. (askanews) - Era "la diva dai piedi nudi", perché amava apparire in scena così, senza scarpe, forse in onore delle sue origini semplici e in ricordo della vita dura che fino a 50 anni non aveva conosciuto fama né successo: Cesaria Evora è morta ieri in un ospedale dell'isola di Sao Vicente, nel nord dell'arcipelago di Capo Verde, dove era nata il 27 agosto di 70 anni fa. L'ultimo compleanno l'aveva festeggiato senza sfarzo con parenti e amici e negli ultimi mesi si sentiva sempre più debole, al punto da aver deciso di non cantare più in pubblico. "Cize", così la chiamavano affettuosamente i suoi compatrioti, era figlia di un violoncellista e di una cuoca: la morte del padre, quando ha appena sette anni, segna la sua vita perché la madre, che ha altri sei figli, decide di mandarla in un orfanotrofio. A 16 anni Cesaria comincia a cantare, in bar e feste private, per la meraviglia del suo primo, ristretto pubblico: le sue canzoni sono tristi, sull'amore, la povertà, il mare. A volte canta anche la stessa 'sodade' (Saudade nel dialetto creolo di Capoverde) nelle strade, prima di smettere per circa 10 anni, duranti i quali affonda nell'alcol e nella solitudine. Nel 1985 una telefonata dal Portogallo le cambia la vita: accetta di incontrare il franco-capoverdiano José Da Silva, che diventerà suo mentore e produttore, e la porterà a cantare a Parigi. Il suo primo album, nel 1988, si intitola proprio così, "La diva dai piedi nudi", e consacra il suo stile unico, in cui la sua voce impressionante si unisce a una miscela armoniosa di 'sodade' con sonorità africane e cubane. Nei primi anni '90 seguono "Mar Azul" e "Miss Perfumado" (con il suo capolavoro "Sodade") le tournées mondiali negli Stati Uniti, in Svezia, in Giappone e in Senegal. Poi è la volta di "Cabo Verde" (1997) e "Sao Vicente di longe" (2001) e ancora altri album. Dopo aver ricevuto la Legion d'honneur in Francia, Cesaria soffre un ictus che la costringe a rallentare il ritmo, ma nonostante tutto nel 2009 esce il suo undicesimo albo, "Nha Sentimento". Nel maggio del 2010 viene operata a cuore aperto per sei ore, è costretta ad annullare 20 concerti ma non accetta di lasciare la scena, che definisce la sua "droga", e ancora nell'aprile di quest'anno appare in piena forma sul palco del Grand Rex di Parigi. Ma a settembre quel cuore debole che l'ha perseguitata la costringe a riposo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia