martedì 06 dicembre | 07:29
pubblicato il 04/set/2011 12:27

Musica/ Billie Joe Armstrong cacciato da un aereo

Il cantante dei Green Day aveva i calzoni troppo bassi

Musica/ Billie Joe Armstrong cacciato da un aereo

Milano, 4 set. (askanews) - Billie Joe Armstrong, cantante dei Green Day, e stato fatto scendere da un aereo perche aveva i pantaloni troppo bassi. A raccontare l'accaduto è stato lui stesso sulla sua pagina Twitter: "Sono appena stato cacciato da un aereo perche avevo i calzoni troppo bassi! Non scherziamo!". Il cantante si era imbarcando all'aereoporto di Oakland su un aereo della compagnia Southwest Airlines, quando una hostess lo ha ripreso per il suo abbigliamento intimandogli di sistemarsi i pantaloni troppo abbassati. La reazione del cantante sarebbe stata dura e a quel punto sarebbe stato fatto scendere dall'aereo. Un portavoce della compagnia aerea ha provato a buttare acqua sul fuoco: "Non appena siamo venuti a conoscenza dell'accaduto ci siamo immediatamente scusati con Armstrong e lo abbiamo fatto imbarcare sul volo successivo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari