sabato 10 dicembre | 02:15
pubblicato il 17/ago/2013 12:59

Musica: 31 anni fa il primo CD commerciale, ''The Visitors'' degli ABBA

Musica: 31 anni fa il primo CD commerciale, ''The Visitors'' degli ABBA

(ASCA) - Roma, 17 ago - Oggi ricorre il trentunesimo anniversario della prima vendita sul mercato discografico del Compact Disc. La svolta avviene nel 1979, quando la Philips da' vita a una collaborazione con la Sony, e da li' a tre anni, in una fabbrica vicino ad Hannover, viene prodotto il primo CD ad uso commerciale, una trasposizione digitale dell'album The Visitors degli ABBA.

Nel novembre dello stesso anno esce in Giappone il primo lettore targato Philips e nel frattempo la libreria musicale disponibile si allarga fino a contenere 500 album.

''Da oggi in poi tutto il resto e' obsoleto'', commentera' a caldo Lou Ottens, direttore della divisione audio della Philips.

L'azienda olandese stava lavorando da tempo a un sistema che potesse coniugare tecnologia laser e vinile, ma e' Ottens ad intuire che e' possibile cambiare supporto e ridurre le dimensioni dei dischi senza intaccare la durata e la qualita' della musica.

La partnership con la Sony diventa fondamentale anche per la definizione degli standard audio condivisi in tutto il mondo. A questo scopo, nel 1983 le due aziende rendono pubblico il Red Book, in cui sono codificate le regole dei CD.

La Sony, dal canto suo, pretende che i dischi siano in grado di contenere l'intera Nona Sinfonia di Beethoven, dalla durata di 74 minuti, ben 14 in piu' rispetto ai 60 minuti del CD proposto dalla Philips. Nei primi 30 anni di vita del supporto ottico digitale vengono venduti circa 200 miliardi di CD (il piu' venduto della storia resta l'album ''Thriller'' di Michael Jackson, con il suo esordio in vinile).

In pochi anni, i dischi digitali si trasferiscono dal mondo della musica a quello dell'informatica e del cinema, precursori di una famiglia che comprendera' presto CD Rom, DVD, e l'ultimo arrivato, il Blu-Ray, ritenuto lo standard del futuro.

Anche se oggi rischiano il pre-pensionamento a causa dei nuovi formati digitali in grado di immagazzinare interi archivi musicali in spazi minuscoli, i CD conservano ancora oggi un fascino per chi le canzoni le vuole toccare con mano, oltre che ascoltare.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina