lunedì 05 dicembre | 01:38
pubblicato il 29/gen/2014 10:42

Mps: Vigni, Alexandria ristrutturata perche' c'era 'caccia alle streghe'

(ASCA) - Siena, 29 gen 2014 - Il titolo Alexandria ''non aveva perdita'' ma nella primavera 2009 c'era un ''rischio remoto'' che poteva diventare un ''rischio pauroso'' a causa della crisi americana e se si fosse verificato un default ci sarebbe stato ''non solo un danno economico ma un danno reputazione inimmaginabile perche' era un periodo di caccia alle streghe, quasi con cani da tartufi a cercare le banche che avevano titoli tossici e derivati''.

Lo ha detto l'ex Dg di Mps Antonio Vigni, sentito oggi in aula al processo sul derivato Alexandria, spiegando perche' fu decisa la ristrutturazione del titolo.

L'operazione Alexandria, ha detto ''io l'ho vissuta come una operazione normale e cosi' l'ho gestita, non c'era perdita'' ma c'era da considerare il fatto che il derivato aveva ''400 mattoncini legati all'economia americana'' e il pensiero era che ''se hanno fatto fallire Lehman puo' succedere di tutto''.

afe/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari