martedì 24 gennaio | 08:40
pubblicato il 17/apr/2013 17:53

Mps: sequestro Nomura ancora in corso, Pm cercano soldi in Europa

Mps: sequestro Nomura ancora in corso, Pm cercano soldi in Europa

(ASCA) - Siena, 17 apr - I Pm di Siena che indagano su banca Mps vanno a 'caccia' in Europa degli 1,8 miliardi che vogliono sequestrare a banca Nomura. Ieri i Pm hanno emesso un decreto di sequestro d'urgenza in cui, nei confronti della banca giapponese, ordinano un ''sequestro preventivo a fini di confisca per equivalente'' di 88 milioni di euro e un ''sequestro preventivo a fini impeditivi e di confisca per equivalente'' di circa 1,8 miliardi. Per eseguire il decreto, i Pm usano una tecnica mai utilizzata in Europa: il ''blocco telematico'' dei flussi di denaro in transito sul circuito 'Target2', il sistema dei pagamenti interbancari adottato nell'area euro. ''Si tratta di un decreto in esecuzione, che potrebbe avere anche tempi lunghi'', affermano fonti vicine alla Procura.

Il primo colpo, ieri, e' stato sparato a vuoto: i funzionari della Banca d'Italia, a cui i Pm senesi hanno chiesto la collaborazione, non hanno trovato, secondo quanto si apprende da fonti giudiziarie, flussi da aggredire.

Infatti ieri Nomura (che non e' indagata) aveva negato qualsiasi sequestro di propri asset. Cosa che non ha impedito un arretramento del 2,33% alla borsa di Tokyo.

Per questo motivo ora la 'ricerca' prosegue fuori dai confini italiani. Fin da ieri mattina, tramite Palazzo Koch, e' stata chiesta la collaborazione della tedesca Bundesbank per ''aggredire'' un conto riconducibile a Nomura presso una altra banca su territorio tedesco.

Se il sequestro tramite questo canale non andra' a buon fine, i magistrati sono intenzionati a procedere per rogatoria. Una strada, pero, ammettono, che sarebbe piu' ''difficoltosa'' e che, sicuramente, richiederebbe piu' tempo. Nel frattempo, entro dieci giorni, il Gip di Siena dovra' esprimersi sul decreto di sequestro, emesso d'urgenza, scrivono i magistrati, per ''frenare'' la ''voragine di denaro verso Nomura'' che, a causa del meccanismo di 'marginazione', per Mps ''diem per diem cresce sempre di piu'''. Se infatti ''Mps ha versato a Nomura mediamente 1,495 miliardi di euro'' e tra il 19 febbraio 2013 e il 5 aprile 2013 ''in soli due mesi l'importo della marginazione si e' impennato di 370 milioni di euro'', c'e' ''il rischio'' che ''la marginazione dovuta giornalmente da Mps, gia' fortemente esposta, cresca esponenzialmente per effetto dell'impennare dello spread''. Con il decreto di sequestro dei contratti, tali accordi vengono di fatto 'congelati'. Mps, dunque, spiega una fonte giudiziaria, non dovra' piu' effettuare versamenti opponendo una ''inadempienza per factum principis'', cioe' per disposizione di una autorita' superiore, in questo caso lo Stato italiano tramite la magistratura.

Intanto sta per essere chiusa l'inchiesta sulla morte di David Rossi: oggi sono stati sentiti alcuni familiari del capo della comunicazione che si e' tolto la vita lanciandosi dalla finestra del suo ufficio. Nei prossimi giorni saranno sentite altre persone e poi il fascicolo sara' chiuso e archiviato. afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4