giovedì 08 dicembre | 03:36
pubblicato il 05/lug/2013 08:45

Mps: Rossi scrisse e-mail, ''Stasera mi suicido, aiutatemi'' (Il Fatto)

(ASCA) - Siena, 5 lug - ''Stasera mi suicido, sul serio, aiutatemi!''. E' quanto avrebbe scritto due giorni prima di morire in una e-mail David Rossi, il capo della comunicazione di Mps che si e' tolto la vita lanciandosi dalla finestra del suo ufficio a Rocca Salimbeni lo scorso mercoledi' 6 marzo. A rivelarlo e' 'Il Fatto quotidiano' oggi in edicola, secondo cui l'e-mail sarebbe stata spedita il lunedi' precedente all'Ad Fabrizio Viola, in quei giorni, ricostruisce il giornale, in ferie a Dubai. Tra i due poi ci sarebbe stato una scambio di e-mail, sempre secondo quanto riporta il quotidiano.

Il Pm Nicola Marini, di turno quella sera, e i colleghi Aldo Natalini, Antonino Nastasi e Giuseppe Grosso, coinvolti in quanto titolari delle indagini su Mps, hanno fin da subito esaminato una notevole quantita' di documenti, e-mail acquisite dai computer sequestrati, tabulati telefonici e sms. In particolare proprio alcune e-mail che Rossi aveva scritto e ricevuto nei giorni immediatamente precedenti il suicidio sono state ritenute interessanti per ricostruire gli ultimi giorni del capo della comunicazione e i motivi del gesto. Sia dalle e-mail che dalle testimonianze raccolte (sono stati sentiti familiari, colleghi e lo stesso Viola, almeno per due volte), emergerebbe che il manager avrebbe vissuto una situazione di tensione e disagio sia per l'inchiesta che lo aveva sfiorato (con le perquisizioni a casa e in ufficio del 19 febbraio) pur non essendo mai stato indagato, sia per lo stress legato al lavoro. Pc e telefoni sequestrati, secondo quanto si apprende, sono stati dissequestrati e restituiti ai familiari di Rossi un paio di settimane fa.

L'inchiesta sul suicidio del manager e' quasi giunta alla fine: secondo quanto si apprende, Marini e gli altri Pm chiuderanno il fascicolo, chiedendo l'archiviazione, nei prossimi giorni, forse gia' all'inizio della settimana. Prima della pausa estiva, entro la fine di luglio, la Procura dovrebbe chiudere anche il procedimento principale, quello relativo alla acquisizione di Antonveneta dal Santander.

Proprio ieri e' finita la 'missione' spagnola di Nastasi, volato a Madrid per sentire come persone informate sui fatti Emilio Botin, il numero uno dell'istituto spagnolo da cui il Monte aveva comprato (per oltre 9 miliardi) Antonveneta, e altri soggetti.

red-afe/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni