domenica 26 febbraio | 18:18
pubblicato il 01/ago/2013 18:05

Mps: niente marche da bollo, legali non ritirano 'carte' Antonveneta

(ASCA) - Siena, 1 ago - Niente marche da bollo e quindi niente atti per gli avvocati degli indagati nell'inchiesta della Procura di Siena sull'acquisizione di Antonveneta da parte di Mps. Almeno per oggi. A causare il problema, secondo quanto si apprende, sono le modalita' per il pagamento degli atti. Per ritirare il Cd con le copie dei documenti (circa 30 mila pagine in una quarantina di faldoni) bisogna pagare circa 10 mila euro. Da versare in marche da bollo. Nessun tabaccaio di Siena, pero', secondo quanto si apprende, avrebbe emesso le marche da bollo, per non infrangere le norme sui pagamenti previste dalla legislazione antiriciclaggio. Quando poi e' stata decisa la possibilita' di pagare anche con bonifico, non e' stato possibile per nessuno concludere la procedura prima della chiusura della cancelleria del Palazzo di Giustizia.

Le 'carte', quindi, saranno presumibilmente ritirate dai legali domani mattina.

afe/mar/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech