sabato 03 dicembre | 00:03
pubblicato il 30/gen/2013 12:00

Mps/ Antonveneta fu pagata interamente 'cash': i sospetti dei pm

Il dettaglio degli otto bonifici su Londra, Amsterdam e Madrid

Mps/ Antonveneta fu pagata interamente 'cash': i sospetti dei pm

Firenze , 30 gen. (askanews) - Antonveneta fu pagata dal Monte dei Paschi 'cash', con otto bonifici versati tra il 30 maggio 2008 e il 30 aprile 2009, anziché "carta contro carta", come in genere è avvenuto nelle fusioni o nelle acquisizioni di banche da parte di altre banche. E' anche questa modalità ad aver insospettito gli inquirenti che indagano sul passaggio, avvenuto nel 2007, di Antonveneta da Santander a Mps. I In tutto, l'operazione costò al Monte oltre 17 miliardi di euro: 10,138 mld cui si sommarono i debiti che si portava dietro Antonveneta. Il dettaglio degli otto bonifici, da quanto si apprende, fu questo: 9,2 miliardi, 2,5 miliardi, 1,5 miliardi, 67 milioni, 1 miliardo, 49 milioni, 2,5 miliardi e infine 123 milioni, diversificati su Amsterdam, Madrid e Londra.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari