giovedì 08 dicembre | 09:45
pubblicato il 10/set/2012 17:32

Morosini/ Tre i medici indagati per omicidio colposo

Accusati per non avere utilizzato il defibrillatore

Morosini/ Tre i medici indagati per omicidio colposo

Pescara, 10 set. (askanews) - Tre medici sono indagati per la morte di Piermario Morosini, il calciatore del Livorno deceduto il 14 aprile scorso, allo stadio Adriatico di Pescara, mentre era in campo con la maglia della sua squadra. Per i medici sociali del Livorno, Manlio Porcellini, e del Pescara, Ernesto Sabatini, e per Vito Molfese, il medico del 118 in servizio quel giorno allo stadio, l'accusa è di omicidio colposo. La richiesta è stata firmata dal pm della procura di Pescara, Valentina D'Agostino. I tre soccorritori, che non appena Morosini si accasciò sul terreno di gioco si alternarono nel tentativo di rianimarlo, sono finiti al centro delle indagini per non aver fatto ricorso all'uso del defibrillatore. L'autopsia ha rivelato che il calciatore, morto a soli 26 anni, era affetto da una malattia genetica del muscolo cardiaco. Dovrà essere stabilito se l'uso del defibrillatore avrebbe potuto contribuire a salvarlo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni