domenica 04 dicembre | 05:41
pubblicato il 02/lug/2012 21:51

Morosini/ Depositata la perizia: morì per un male congenito

Individuata dal medico legale una "cardiomiopatia aritmogena"

Morosini/ Depositata la perizia: morì per un male congenito

Firenze, 2 lug. (askanews) - E' stato un male congenito, una cardiomiopatia aritmogena, a provocare la morte di Piermario Morosini, il 25enne giocatore del Livorno, che crollò sul campo del Pescara lo scorso 14 aprile, in una partita di serie B. La perizia è stata depositata oggi e conferma sostanzialmente il primo giudizio del medico legale, Cristian D'Ovidio che, da un'analisi iniziale, escludeva patologie esogene. Il dossier depositato oggi in Procura a Pescara è di 250 pagine. Nella giornata odierna tanto lo staff di D'Ovidio quanto il Livorno calcio si sono chiusi nel massimo riserbo, per rispetto delle indagini in corso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari