venerdì 24 febbraio | 21:06
pubblicato il 28/gen/2014 17:18

Montagna: Forestale, resta alto rischio valanghe. Specie su Appennini

Montagna: Forestale, resta alto rischio valanghe. Specie su Appennini

(ASCA) - Roma, 28 gen 2014 - Permane il rischio valanghe, specie nei settori centrali degli Appennini. Lo comunica in una nota il Corpo forestale dello Stato dopo che le precipitazioni delle ultime 24 ore su tutto l'arco alpino hanno apportato significativi cambiamenti al manto nevoso. I forti venti hanno incrementato la formazione di nuovi ed insidiosi accumuli eolici. Il manto nevoso e' in generale moderatamente consolidato sui versanti meridionali mentre, in quelli esposti ai quadranti settentrionali permane un consolidamento da moderato a debole su molti pendii ripidi.

Il distacco e' possibile con debole sovraccarico. In alcune situazioni sono possibili valanghe spontanee di media grandezza e, in singoli casi, anche grandi valanghe.

Sui settori alpini Piemontesi, Lombardi e Trentini il pericolo valanghe e' Marcato (3) con tendenza all'aumento. I punti maggiormente pericolosi sono gli accumuli eolici di nuova formazione nelle localizzazioni sottovento, nelle zone sottocresta, in conche e canali al di sopra dei 1800 metri di quota.

Nei settori Appenninici centrali, in particolare quelli abruzzesi, il grado del pericolo e' in generale moderato (2) e sale a marcato (3) alle quote piu' alte delle catene montuose del Gran Sasso, Terminillo e Appennino centro meridionale, dove la neve degli ultimi giorni non e' ancora ben consolidata e con gli strati sottostanti irregolari dovuti al vento. Rimane alta la possibilita' di una ripresa dell'attivita' valanghiva spontanea o gia' al passaggio di un singolo sciatore/snowboard (debole sovraccarico) su pendii ripidi (30*- 40*). In considerazione delle avverse condizioni meteorologiche previste e della scarsa visibilita', risultera' difficoltosa l'individuazione dell'itinerario e la valutazione del singolo pendio. A seguito dell'attivita' eolica registrata nei giorni scorsi, sono da evitare le zone di accumulo, conche, canaloni, cambi di pendenza e pendii sotto vento in genere (di difficile individuazione perche' ricoperti dalla nuova neve prevista). Il Corpo forestale dello Stato raccomanda di portare sempre con se' i dispositivi di sicurezza come Artva, pala e sonda e di consultare i bollettini del servizio Meteomont su www.meteomont.org.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech