martedì 06 dicembre | 17:44
pubblicato il 17/gen/2014 17:28

Montagna: Forestale, in 'forte' aumento il rischio valanghe

Montagna: Forestale, in 'forte' aumento il rischio valanghe

(ASCA) - Roma, 17 gen 2014 - Sono aumentate da questa mattina le perturbazioni a carattere nevoso, su tutto il settore alpino, con apporti di neve che possono arrivare fino ai 120 cm, e che vanno a sommarsi alla neve gia' stratificata accrescendo notevolmente i distacchi dei depositi nevosi.

In particolare, sulle Dolomiti nord occidentali e Dolomiti nord orientali il pericolo valanghe e' 'forte' (grado 4), ove il distacco e' probabile gia' con un debole sovraccarico su molti pendii ripidi, rappresentato anche solo da un singolo sciatore.

Sulle Alpi Breonie, Alpi Aurine e Pusteresi il pericolo valanghe e' 'marcato' (grado 3) , con un distacco possibile soprattutto oltre i 1300 m e in tutte le esposizioni. Il pericolo valanghe, localmente, e' in aumento in funzione degli apporti di neve fresca previsti e dell' attivita' eolica associata.

Anche nei settori alpini di Lombardia e Piemonte sud occidentale le precipitazioni abbondanti stanno accrescendo il pericolo valanghe La tendenza in ogni caso e' in aumento sono quindi assolutamente da evitare le attivita' al di fuori delle piste battute e segnalate e, nei sottosettori settentrionali, lo svolgimento di attivita' escursionistiche richiede sempre una attenta valutazione locale del pericolo nel singolo pendio ed una scelta oculata degli itinerari.

Punti di maggior pericolo risultano essere le classiche zone di accumulo eolico, quali creste, conche e canali.

Nelle Alpi della Lombardia e' ritenuta invece ''Stazionaria'' la tendenza del pericolo seppur, persistendo le forti nevicate e l'attivita' eolica, il livello d'attenzione e' 'forte' (grado 4). Sui settori delle Alpi marittime del Piemonte il grado rilevato e' 'forte' (grado 4) con tendenza stazionaria, mentre in quelle Pennine, Graie e Lepontine vi e''marcato' (grado 3) ma con tendenza all'aumento.

Restano valide le precauzioni consigliate dal Corpo forestale di evitare fuori pista e comportamenti che in generale potrebbero causare una maggiore probabilita' di distacco delle masse nevose. E di consultare il sito www.meteomont.org per assicurarsi delle condizioni meteo in montagna ed evitare inutili rischi.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni