domenica 04 dicembre | 03:02
pubblicato il 07/gen/2014 19:22

Montagna: Forestale, forte pericolo valanghe sulle Alpi centrali

Montagna: Forestale, forte pericolo valanghe sulle Alpi centrali

(ASCA) - Roma, 7 gen -2014 - E' ''forte'' il grado di pericolo su Alpi Retiche e Alpi Orobiche per probabili distacchi di valanghe spontanee e/o provocate con un debole sovraccarico (passaggio di un singolo sciatore o escursionista) sulla maggior parte dei pendii ripidi. Il grado di pericolo e' ''marcato'' sulle Prealpi Lombarde. E' quanto riferisce il servizio Meteomont della Forestale.

In generale sulle Alpi piemontesi il pericolo valanghe e' ''marcato'' su tutto il settore con tendenza in aumento.

In Liguria il pericolo e' moderato e puo' salire a ''marcato'' sulle Alpi Liguri oltre il limite arboreo in corrispondenza degli accumuli di neve, mentre e' generalmente debole con qualche criticita' a quote elevate della dorsale tosco-emiliana.

Sui rilievi valdostani il pericolo rimane ''marcato'' con possibilita' di valanghe medie o grandi.

In Trentino-Alto Adige il pericolo valanghe rimane ''marcato'' e, specialmente dove sono presenti nuovi accumuli di neve trasportata dal vento, sono possibili distacchi provocati gia' con debole sovraccarico. In alcune situazioni, possibili anche valanghe spontanee di media grandezza.

Sulle Dolomiti il pericolo e' generalmente ''marcato'' in particolare sui pendii ripidi. Oltre ai probabili distacchi in corrispondenza dei nuovi accumuli eolici, deboli sovraccarichi potrebbero provocare la caduta di valanghe a lastroni.

Il grado di pericolo e' ''marcato'' sulle Alpi Giulie e Carniche e ''moderato'' sulle Prealpi Carniche e Giulie, dove pero' la tendenza e' in aumento. Il grado di pericolo e' ''debole'', invece, nel resto delle aree montane della Penisola a tutte le quote e a tutte le esposizioni. In considerazione delle precarie condizioni attuali del manto nevoso, consiglia la Forestale, sono da evitare, nell'ambito dei comprensori sciistici, i fuori pista. Per quanto riguarda le attivita' escursionistiche, al di fuori dei suddetti comprensori, sono da valutare attentamente. E' comunque necessaria una attenta e capace scelta dell'itinerario, evitando i pendii piu' a rischio, le cui condizioni vanno valutate di volta in volta.

I punti di maggiore pericolo sono rappresentati dai pendii ripidi (inclinazione maggiore di 27*) e dalle zone di accumulo di neve ventata, quali conche, canali e zone di cresta. E ricorda che per prevenire gli incidenti in montagna e' opportuno tenersi costantemente aggiornati sulla situazione del manto nevoso consultando il sito www.meteomont.org. E' inoltre fondamentale equipaggiarsi con ARTVA, pala e sonda. In questo momento sono richieste una buona capacita' di valutazione del pericolo su ogni singolo pendio, nonche' una profonda conoscenza del territorio.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari