lunedì 23 gennaio | 22:17
pubblicato il 05/gen/2012 17:56

Montagna/ Allarme valanghe su tutto arco alpino

Grado marcato, in Valle d'Aosta sale a forte

Montagna/ Allarme valanghe su tutto arco alpino

Roma, 5 gen. (askanews) - Allarme valanghe in tutto l'arco alpino: pericolo di grado marcato in Piemonte, Trentino Alto Adige, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia che sale a forte in Valle d'Aosta. In Valle d'Aosta il pericolo sale a forte - spiega la forestale - a causa di una perturbazione a carattere nevoso che interesserà ancora nella giornata di domani quote al di sopra dei 2.000 metri a ridosso del confine italo-francese. Sono possibili distacchi di valanghe in corrispondenza di creste, costoni, conche e canaloni ripidi, già con debole sovraccarico. In Piemonte il pericolo valanghe è localmente marcato. In particolare il settore delle Alpi Cozie è interessato da deboli precipitazioni e da un'attività eolica che rimaneggia lo strato superficiale del manto nevoso, favorendo la formazione di accumuli di neve che poggia con debole coesione sopra un manto preesistente in lento consolidamento. In Trentino Alto Adige il pericolo valanghe rimane localmente marcato e specialmente in quota, dove gli spessori di neve sono importanti e dove sono presenti nuovi accumuli di neve trasportata dal vento, sono possibili distacchi provocati già con debole sovraccarico. Nelle zone Brenta Adamello, Ortles-Cevedale e Venoste-Passirie i punti più pericolosi sono a partire dai 2.500 metri di quota circa su tutti i pendii molto ripidi e le zone interessate da accumuli eolici, come canaloni, zone sottocresta e avvallamenti. Il pericolo valanghe è marcato anche nei quadranti settentrionali del settore delle Alpi Breonie e Aurine - Pusteresi, dove il distacco anche in questo caso è possibile con un debole sovraccarico soprattutto sui pendii ripidi oltre i 2.200 metri e in tutte le esposizioni. Nei quadranti meridionali delle Dolomiti nord-orientali e nord-occidentali il pericolo valanghe è moderato ma con tendenza in aumento nei prossimi giorni. (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4